Sign In

Farmacia e medicina nelle pandemie di peste nel corso della storia, di Paloma Ruiz Vega

Pharmacy and medicine in plague pandemics during the course of history, by Paloma Ruiz Vega

​In questo studio approfondiremo le epidemie di peste in epoca medievale, in un periodo storico che parte dalla caduta di Roma per mano dei Goti, nell'anno 476, alla caduta di Costantinopoli nel 1453, quindi dall’inizio alla fine del Medioevo.
La peste nera che colpì l'Eurasia nel XIV secolo e raggiunse il picco tra il 1347 e il 1353, ripetendosi frequentemente nei secoli successivi, fu la più devastante pandemia di peste nella storia umana. La peste nera spazzò via un terzo della popolazione europea e si ripeté in ondate successive fino al 1490, uccidendo infine circa 200 milioni di persone.
In questo contesto nella colonia veneziana di Ragusa, attuale Dubrovnik in Croazia, città che aveva un porto molto importante per i traffici marittimi del Mediterraneo, fu messa in pratica un'idea intelligente per cercare di fermare il contagio. Nel 1377, infatti, i governanti decisero di imporre un periodo di quaranta giorni di isolamento per tutti i viaggiatori e gli equipaggi che sbarcavano e per i prodotti che portavano con sé. Fu il primo esempio storicamente documentato di quarantena.

​In this paper we describe some features concerning plague epidemics in the middle ages, from the fall of Rome at the hands of the Goths in the year 476, to the fall of Constantinople in 1453, commonly considered respectively the beginning and the end of the Middle Ages.
The Black Death refers to the most devastating plague pandemic in human history that stroke Eurasia in the fourteenth century with a peak between 1347 and 1353, frequently recurring in the following centuries. The black plague wiped out a third of Europe's population and recurred in successive waves until 1490, eventually killing some 200 million people.
However, in the Venetian colony of Ragusa, present day Dubrovnik (Croatia), which had a busy port for Mediterranean maritime traffic, the local Authorities adopted a clever and much less tyrannical method to try to stop the diffusion of the contagion. In 1377, the city rulers decided to impose a period of forty days of isolation to all travelers, crews and products that who landed there. To our knowledge this is the first historically documented example of a quarantined city.



Indietro
UNIFARCO S.p.A. VIA CAL LONGA, 62 32035 SANTA GIUSTINA (BL) - ITALY
CF e Partita IVA 00595530254 - Capitale sociale € 1.000.000,00 I.V.
Iscritta al Registro Imprese di Belluno al n. 58982
Privacy policy e cookie

Unifarco per la Cultura