Sign In

I derivati degli scisti bituminosi nella pratica medica, di Vittorio Iammarino

The derivatives of bitouminous schists in the medical practice, by Vittorio Iammarino

​Gli scisti bituminosi sono rocce sedimentarie, di granulometria fine, di colore nerastro o marrone scuro, ricche di una particolare sostanza organica derivata dalla trasformazione dei resti di organismi sepolti insieme al sedimento. Sono costituiti da elementi minerali, principalmente argillosi, impregnati d’idrocarburi diversi che occupano il posto del loro deposito originario nella sedimentazione. I residui organici, soprattutto quelli vegetali, visibili a occhio nudo sono abbondanti. L'olio di scisto è succedaneo del petrolio greggio, ma la sua estrazione è più costosa e complessa. 
Molti componenti importanti utilizzati da secoli nell'industria farmaceutica sono stati estratti da scisti bituminosi. Lo scopo di questo lavoro è l'analisi storica dell'utilizzo di questi componenti, ancora presenti nelle farmacie sia come prodotti farmaceutici industriali che come preparati galenici. Negli ultimi anni l'interesse per queste materie prime è aumentato anche nell'industria cosmetica. Tra i principali derivati utilizzati come elementi farmaceutici attivi saranno evidenziati in questo studio il catrame minerale e l'ittitolo. Verranno inoltre prese in considerazione alcune preparazioni galeniche tratte da antichi testi di tecnica farmaceutica, nonché formulazioni incluse nelle attuali farmacopee. Va notato che la ricerca scientifica non ha mai smesso di trattare sostanze come gli scisti bituminosi: recentemente sono state identificate nuove possibilità per usi terapeutici, in particolare contro malattie dermatologiche sempre più diffuse come la psoriasi.
The bitouminous schists are sedimentary rocks, of fine granulometry, of blackish or dark brown colour, rich in a particular organic substance derived from the transformation of the remains of organisms buried together with the sediment. They consist of mineral elements, mainly clay, impregnated with diverse hydrocarbons which occupy the place of their original deposit in the sedimentation. Organic residues, especially vegetal ones, visible to the naked eye are abundant. The oil of schist is a substitute for crude oil, but its extraction is more expensive and complex.
Many important components used for centuries in the pharmaceutical industry have been extracted from bitouminous schists. The aim of this work is the historical analysis of the utilisation of these components, still present in pharmacies both as industrial pharmaceutical products and as galenic preparations. In recent years, interest in these raw substances has also increased in the cosmetics industry. Among the main derivatives used as active pharmaceutical elements, the Mineral Tar and Ichthyol will be highlighted in this study. Some galenic preparations drawn from ancient texts of Pharmaceutical Technique will also be considered, as well as formulations included in current pharmacopoeias. It has to be noted that scientific research has never stopped to deal with substances such as bitouminous schists: recently new possibilities for therapeutic uses have been identified, in particular against increasingly widespread dermatological diseases such as psoriasis.



Indietro
UNIFARCO S.p.A. VIA CAL LONGA, 62 32035 SANTA GIUSTINA (BL) - ITALY
CF e Partita IVA 00595530254 - Capitale sociale € 1.000.000,00 I.V.
Iscritta al Registro Imprese di Belluno al n. 58982
Privacy policy e cookie

Unifarco per la Cultura